Il marchio e
la sua forza distintiva
sono l’anima di un Brand.

Si perché a volte per fortuna e altre per capacità creative ognuno di questi loghi ha contribuito come logo di successo a creare la fortuna della propria azienda Questo la dice molto lunga su quali siano le linee guida da adottare e se queste sono sempre da rispettare durante la fase di realizzazione e sviluppo di un logotipo o marchio.

Oggi analizziamo la storia dei 5 loghi più famosi al mondo e che probabilmente ognuno di noi conosce a livello visivo. Racconteremo della loro nascita e di come sono stati realizzati.

Il logo è fortemente determinante nell’identità aziendale, il compito fondamentale del logo, oltre chiaramente alla riconoscibilità, è quello di ispirare fiducia e deve distinguersi dalla concorrenza. Il logo se creato da una forte mente creativa e con un ottimo gusto grafico, può permettere di creare comunicazione efficace e vincente. Fatta questa premessa, passiamo ora a descrivere i 5 loghi più famosi e come questi sono nati.

Logo Google

Un logo nato da un software di grafica free

Il logo di Google è stato realizzato dal fondatore Sergey Brin, dove insieme a Larry Page hanno creato una versione del logo con l’aiuto del software di foto ritocco GIMP (software free). Ad ogni modo Google ha avuto modo di ricevere molti loghi dalla nascita dell’azienda. Successivamente al primo, questo venne modificato in seguito dalla designer Ruth Kedar utilizzando il font serif Catull e facendolo diventare il logo graziato che oggi ricordiamo. Senza soffermarci troppo sui Doodle che nient’altro sono che i vari loghi ispirati agli avvenimenti speciali, questi Google li inserisce nel proprio motore di ricerca ad ogni avvenimento a cui vengono ispirati. Oggi il logo introduce un nuovo linguaggio visivo, più minimale e “mobile” avendo anche lo scopo di funzionare meglio sui device più piccoli, ad esempio smartphone e tablet. Inoltre il nuovo font, essenziale e senza grazie acquisisce un linguaggio che a parere di molti si adatta alla nuova era di internet. C’è invece chi non ha affatto apprezzato l’eliminazione delle grazie della font precedente rendendolo meno originale.

Logo Coca Cola

Un logo nato da un font blasonato e super utilizzato

Pensate che il logo Coca Cola fu creato dal contabile dell’azienda Frank Mason Robinson, quindi nessun grafico o creativo, anzi si dice che venne sviluppato con scarsa attenzione proprio nel 1886 utilizzando come base del lettering, il famoso font Spencerian Script, che a quei tempi era davvero molto usato nella comunicazione e rappresentazione dei Brand di allora. Il contabile Robinson fece qualche piccolo aggiustamento alla scritta e lo sottopose ai dipendenti dell’azienda. Naturalmente l’entusiasmo fu unanime e da li ad oggi il logo non venne più cambiato se non davvero attraverso piccolissimi aggiustamenti,
Una curiosità è che per il 100º anniversario del Brand Coca Cola, nel 1986 in Cile venne creato sul fianco di una montagna il più grande logo Coca-Cola al mondo. Furono utilizzate circa 70.000 bottiglie di Coca-Cola e la scritta misurava circa 120 metri di larghezza.

Logo Mc Donald

Una M dal valore inestimabile e cambiata molte volte

Il fast food nacque nel 1940 con il nome “McDonald’s Famous Barbeque”. Il suo logo inizialmente era composta da due strisce parallele in corrispondenza della parola famous. Nel 1948 la società cambiò naming diventando così “McDonald’s Famous Hamburgers” e da allora la forma del logo cambiò continuamente fino al 1960 dove Stanley Meston inventò il logo dai famosi archi d’oro. Questi inizialmente volevano rappresentare una vita prospettica in modo da formato un M ed erano attraversati da una linea obliqua che attraversava gli archi (questa rappresentava il tetto dei fast food). Nel 1968 venne eliminata la linea che rappresentava il tetto e aggiunto il nome della società Mc Donald al posto del tetto. Negli anni 80 più precisamente nel 1983, il logo fu semplificato ulteriormente diventato il logo che oggi tutti conosciamo, in sostanza venne eliminato anche il nome della società rendendo il logo totalmente minimal. Questo permette oggi a McDonald di poter inserire la “M” dove necessario e potendola sfruttare attraverso vari linguaggi, quelli che la comunicazione di ogni prodotto necessita.

Logo Apple

La mela arrivò molto dopo la creazione dell’azienda

Apple nasco nel 1976 per mano di Steve Jobs ma il logo apple (si parla della famosa mela) fu creato da Rob Janoff nel 1984, che sembra si ispirò ad esso attraverso un sacchetto di mele al supermercato. Rimase a fissarlo a lungo e da questo nacque appunto la mitica mela morsicata. Il logo nacque tutto colorato poiché doveva indicare la varietà di possibilità di Apple solo nel 1998 Steve Jobs decise di semplificarlo renderlo più minimale e flat. Successivamente vi sono stati molte revisioni di colore ma mai toccato nelle sue forme.

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *